Il siamese gatto di carattere e compagno perfetto

Il siamese gatto di carattere e compagno perfetto

Occhi azzurri, tante chiacchiere, e una forte personalità. Il gatto siamese è un compagno perfetto per chi non vuole annoiarsi e ama i felini vivaci. Il siamese, con la sua eleganza e la sua bellezza è da sempre fra gatti i più affascinanti e ammirati. Ma chi lo adotta deve sapere che non avrà a che fare solo con un gatto ammaliante e aristocratico bensì con uno dei più scatenati chiacchieroni e giocherelloni del panorama felino. Fa parte, infatti, di una razza molto particolare i cui esemplari si distinguono per essere vivaci, caparbi, tenacemente curiosi, sempre pronti al gioco.

Ma uno dei tratti qualificanti del carattere del gatto siamese è forse il temperamento forte, che per nulla al mondo si lascerebbe convincere a fare qualcosa controvoglia e che, più che ricevere ordini, ama vedere il compagno umano docile, capace di concedergli tutto quello che desidera. Insomma, non bisogna avere grandi aspettative relativamente alla sua ubbidienza, e se questo vale per tutti i felini domestici, per il siamese è ancora più vero.

Il gatto siamese: un socievole chiacchierone

Per conoscere a fondo il gatto siamese è utile sapere che ama parlare. Vocalizzare emozioni e intenzioni è il suo vezzo, e questa caratteristica lo rende amabilissimo: il suo miagolare non è invadente o lagnoso, sembra piuttosto un discorso che lui intrattiene con il proprio compagno umano. Perfetto per chi ha voglia di stare sempre in compagnia, questo gatto è meno consigliabile per chi ama il silenzio e la tranquillità. Insomma, la sua esuberanza e la sua tendenza all’attività continua sono perfette per le famiglie numerose e scoppiettanti dove non ci si annoia mai.

Un altro aspetto da valutare con attenzione quando si ha a che fare con un indomito siamese è che non ama stare da solo: in famiglia è socievole con tutti ma stringe una relazione speciale con un solo membro del gruppo, e questo legame non dovrebbe interrompersi mai per periodi troppo lunghi. È quindi importante tenere a mente che il compagno uomo non dovrebbe allontanarsi dal siamese per troppi giorni. Infine, occorre tenere ben presente che quest’ultimo non ama dividere i familiari con altri suoi simili.

Deve essere lui l’incontrastato re della casa e concentrare su di sé le attenzioni. Un gatto esigente che però ripagherà i suoi conviventi con grandi dosi di tenerezza e infinita simpatia.

Il siamese è agile, longilineo, bellissimo. Il suo mantello ha inoltre bisogno di poche cure: una spazzolata al giorno può bastare per mantenerlo perfetto.
Il nome antico del gatto siamese? “Gatto reale del Siam”. Proveniente dall’Asia centrale, le sue origini risalgono fino al XIV secolo.