Gatto nudo Sphynx Canadian

Tutto quello che c'è da sapere sui gatti nudi: razze e curiosità

Morbidi e setosi, ma anche tanto delicati: i gatti di razza senza pelo, detti anche gatti nudi, sono animali bellissimi e misteriosi che affascinano tutti gli amanti del mondo felino. Dall’ucraino Levkoy al gatto elfo, passando per il più noto Sphynx.

Li guardi e il desiderio è subito quello di accarezzarli e coccolarli, perché i cosiddetti gatti nudi sono animali meravigliosi che con il loro aspetto fragile e delicato ispirano tenerezza. Ma come mai esistono razze di gatto senza pelo? E quante sono le razze in questione? Da dove hanno origine? Sono tante le curiosità che si nascondono dietro allo Sphynx e ai suoi cugini.

Gatti senza pelo: tutta colpa dei geni

I gatti nudi non sono una trovata moderna: i disegni presenti su manufatti ritrovati sui siti delle civiltà egiziane e precolombiane testimonierebbero che i gatti senza pelo esistevano già allora, e già allora tenevano compagnia agli umani. L’assenza del bel manto nel felino sarebbe quindi dovuta non all’intervento dell’uomo, ma a una mutazione genetica naturale, che ha fatto sì che raramente il gene della calvizie ricorra nei felini regalando al mondo degli esemplari bellissimi di gatti nudi.

Le razze di gatto senza pelo

Le razze di gatto senza pelo sono diverse: dal più antico e conosciuto Sphynx - il cui nome è un omaggio alla divinità egizia Bastet - con le sue orecchie grandi e i suoi occhi chiari, al più grande Elf Cat (gatto elfo - il più robusto tra le razze di gatti nudi), con le sue orecchie ripiegate all’indietro, esattamente come gli elfi. C’è poi l’ucraino Levkoy, nato da incroci più recenti, e il russo Peterbald, originario di San Pietroburgo, anche lui figlio di anni più vicini a noi e imparentato con il Siamese. Riconoscibilissimo per via delle sue zampe corte, il gatto Bambino è il risultato di un incrocio recentissimo tra lo Sphynx e il Munchkin, che fra tutti pare essere quello con la pelle meno delicata.

Come proteggere la pelle dei gatti nudi

La pelle dei gatti nudi è molto delicata, ed è quindi consigliabile proteggerla da fattori climatici avversi come caldo, freddo o vento qualora il gatto esca all’aperto, evitando così che il suo benessere sia compromesso.

Curiosità

Il corpo di alcune razze di gatti nudi in realtà non è realmente nudo: è ricoperto da uno strato di piccolissimi peli che non sono immediatamente percettibili alla vista, ma che si notano al tatto quando si accarezza il gatto.